Scuola Italiana
Antiriciclaggio & Compliance

divisione della EUROPEAN SCHOOL of BANKING MANAGEMENT

AML/CFT, il nuovo pacchetto di proposte della Commissione europea

A curia di Sergio Silvestri

Adeguare il quadro normativo dell’Unione europea alle nuove sfide legate all’innovazione tecnologica: le valute virtuali, la maggiore integrazione dei flussi finanziari nel mercato unico e la natura globale delle organizzazioni terroristiche. È l’obiettivo di un pacchetto di proposte legislative presentato nei giorni scorsi dalla Commissione europea per contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (AML/CFT).

In particolare, sono quattro le proposte: la creazione di una nuova Autorità dell’Ue in materia di AML/CFT (AMLA); un regolamento con norme direttamente applicabili in relazione all’adeguata verifica della clientela e alla titolarità effettiva; una sesta direttiva in materia di AML/CFT (AMLD6), con disposizioni da recepire nel diritto nazionale, come le norme sugli organismi di vigilanza nazionali e le Unità di informazione finanziaria negli Stati membri; una revisione del regolamento del 2015 sui trasferimenti di fondi ai fini del tracciamento dei trasferimenti di cripto-attività. Il pacchetto legislativo sarà dibattuto dal Parlamento europeo e dal Consiglio e la futura Autorità antiriciclaggio potrebbe essere pronta nel 2024: sarà la centrale di coordinamento delle autorità nazionali, per garantire che il settore privato applichi in modo corretto le norme dell’Ue. L’AMLA rafforzerà la cooperazione tra le Unità di informazione finanziaria e sosterrà le UIF nel loro lavoro per migliorarne la capacità analitica dei flussi illeciti e fare dell’intelligence finanziaria una fonte di informazioni fondamentale per i servizi di contrasto. Inoltre, il codice unico dell’Ue in materia di antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo armonizzerà le norme AML/CFT in tutta l’Ue. I registri nazionali dei conti bancari saranno collegati e le UIF potranno accedere più rapidamente alle informazioni su conti e cassette di sicurezza.

A proposito di cripto-attività, la riforma estenderà l’ambito di applicazione di queste norme all’intero settore: saranno vietati I portafogli anonimi e tutti i prestatori di servizi saranno obbligati all’adeguata verifica della clientela. L’obiettivo è la piena tracciabilità dei trasferimenti di cripto-attività, come i Bitcoin, per individuare il loro impiego a fini di riciclaggio e finanziamento del terrorismo. La Commissione, infine, ha proposto per tutta l’Ue un massimale di 10 mila euro per i pagamenti in contanti di importo elevato: in circa due terzi degli Stati già si applicano massimali analoghi di entità variabile.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo per Un’economia al servizio delle persone, ha sottolineato che “ogni nuovo scandalo di riciclaggio di denaro è uno scandalo di troppo e ci ricorda che il nostro lavoro per colmare le lacune del nostro sistema finanziario non è ancora finito”. Mairead McGuinness, Commissaria per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali, ha aggiunto che “il riciclaggio di denaro è un’evidente e concreta minaccia per i cittadini, le istituzioni democratiche e il sistema finanziario. La portata del problema non può essere sottovalutata e occorre colmare le lacune che possono sfruttare i criminali”. 

Adeguare il quadro normativo dell’Unione europea alle nuove sfide legate all’innovazione tecnologica: le valute virtuali, la maggiore integrazione dei flussi finanziari nel mercato unico e la natura globale delle organizzazioni terroristiche. È l’obiettivo di un pacchetto di proposte legislative presentato nei giorni scorsi dalla Commissione europea per contrastare il riciclaggio di denaro e il finanziamento del terrorismo (AML/CFT).

In particolare, sono quattro le proposte: la creazione di una nuova Autorità dell’Ue in materia di AML/CFT (AMLA); un regolamento con norme direttamente applicabili in relazione all’adeguata verifica della clientela e alla titolarità effettiva; una sesta direttiva in materia di AML/CFT (AMLD6), con disposizioni da recepire nel diritto nazionale, come le norme sugli organismi di vigilanza nazionali e le Unità di informazione finanziaria negli Stati membri; una revisione del regolamento del 2015 sui trasferimenti di fondi ai fini del tracciamento dei trasferimenti di cripto-attività. Il pacchetto legislativo sarà dibattuto dal Parlamento europeo e dal Consiglio e la futura Autorità antiriciclaggio potrebbe essere pronta nel 2024: sarà la centrale di coordinamento delle autorità nazionali, per garantire che il settore privato applichi in modo corretto le norme dell’Ue. L’AMLA rafforzerà la cooperazione tra le Unità di informazione finanziaria e sosterrà le UIF nel loro lavoro per migliorarne la capacità analitica dei flussi illeciti e fare dell’intelligence finanziaria una fonte di informazioni fondamentale per i servizi di contrasto. Inoltre, il codice unico dell’Ue in materia di antiriciclaggio e contrasto del finanziamento del terrorismo armonizzerà le norme AML/CFT in tutta l’Ue. I registri nazionali dei conti bancari saranno collegati e le UIF potranno accedere più rapidamente alle informazioni su conti e cassette di sicurezza.

A proposito di cripto-attività, la riforma estenderà l’ambito di applicazione di queste norme all’intero settore: saranno vietati I portafogli anonimi e tutti i prestatori di servizi saranno obbligati all’adeguata verifica della clientela. L’obiettivo è la piena tracciabilità dei trasferimenti di cripto-attività, come i Bitcoin, per individuare il loro impiego a fini di riciclaggio e finanziamento del terrorismo. La Commissione, infine, ha proposto per tutta l’Ue un massimale di 10 mila euro per i pagamenti in contanti di importo elevato: in circa due terzi degli Stati già si applicano massimali analoghi di entità variabile.

Valdis Dombrovskis, vicepresidente esecutivo per Un’economia al servizio delle persone, ha sottolineato che “ogni nuovo scandalo di riciclaggio di denaro è uno scandalo di troppo e ci ricorda che il nostro lavoro per colmare le lacune del nostro sistema finanziario non è ancora finito”. Mairead McGuinness, Commissaria per la Stabilità finanziaria, i servizi finanziari e l’Unione dei mercati dei capitali, ha aggiunto che “il riciclaggio di denaro è un’evidente e concreta minaccia per i cittadini, le istituzioni democratiche e il sistema finanziario. La portata del problema non può essere sottovalutata e occorre colmare le lacune che possono sfruttare i criminali”. 

Condividi questo contenuto su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

INFO

Per richiedere approfondimenti sul programma, per ottenere la brochure o altre informazioni relative al Master in Antiriciclaggio o altri Master di tuo interesse erogati dalla Scuola.
Compila il form sul sito della European School of Banking Management ed esprimi la tua richiesta.

Finanziabiltà

I percorsi hanno tutte le caratteristiche per ottenere la finanziabilità con gli avvisi di Fondo Banche e Assicurazioni. I privati possono ricorrere al Prestito d’Onore erogato da Banca Sella. E’ possibile ottenere il finanziamento anche attraverso il bando Pass Imprese della Regione Puglia

Contattaci

La Scuola Italiana di Antiriciclaggio & Compliance è una divisione specializzata della European School of Banking Management

INFOTEL

+39 02 871 98457
+39 080 548 1799

La Scuola Italiana di Antiriciclaggio & Compliance organizza:

Master a Milano
European School of Banking Management
Viale Gran Sasso, 11 – 20131 Milano

Tel. 02 87198457

Master a Roma
AULE
c/o Best Western Plus Hotel Universo
Via Principe Amedeo, 5/B – 00185 Roma
Tel. 02 87198457

Master a Bari
European School of Banking Management
Via A. Rizzo, 2 – 70010 – Barialto (BA)
Tel. 080 5481799

Partner tecnici

I partner della Scuola